avanzato
Adesso stai leggendo
Il Consenso di Washington: una benedizione o una maledizione?
0

Il Consenso di Washington: una benedizione o una maledizione?

creato Forex ClubGennaio 26 2024

La Polonia è considerata un esempio di paese che ha subito una trasformazione riuscita da un’economia socialista a un’economia di mercato. La crescita economica del paese non ha precedenti nella sua storia, ma ora si sentono sempre più spesso voci sugli enormi costi sociali delle riforme sopra menzionate. Per molti il ​​“Piano Balcerowicz” è stato introdotto troppo in fretta e senza “ammortizzatori”. Tuttavia, vale la pena ricordare che il clima a cavallo tra gli anni ’80 e ’90 era completamente diverso da quello attuale. Ha trionfato il cosiddetto Washington Consensus, un pacchetto di direttive intese ad aiutare il paese a commercializzarsi rapidamente.

In teoria, questo avrebbe dovuto portare a una più rapida modernizzazione del Paese e un significativo miglioramento della ricchezza della società. Ecco perché "Il piano di Balcerowiczaveva così tante soluzioni neoliberiste “cucite dentro”. I volti del neoliberismo a quel tempo erano Ronald Regan e Margaret Thatcher. Sfortunatamente, non tutti i paesi hanno beneficiato di questa politica, ma alcuni sono grati per l’implementazione sconsiderata delle soluzioni neoliberiste. Uno di questi è senza dubbio Hugo Chávez... Nel testo di oggi spiegherò brevemente cos'è il Washington Consensus.

Cos’è il Washington Consensus e per chi è stato creato?

Il Washington Consensus è un insieme di dieci direttive di politica economica creato negli anni ’80. I suoi presupposti promuovono un modello neoliberale di sviluppo economico. Il governo americano ha riconosciuto il Washington Consensus come un pacchetto di riforme raccomandato per migliorare la situazione economica nei paesi in via di sviluppo in crisi. I suoi presupposti includono la limitazione del ruolo dello Stato nell’economia, la promozione della politica di libero mercato, la liberalizzazione del commercio, la privatizzazione e la liberalizzazione della finanza, la protezione della proprietà e la privatizzazione delle imprese statali. Nelle ipotesi del Consenso la politica fiscale e monetaria ha svolto un ruolo importante, che mirava a ridurre al minimo il deficit di bilancio e l’inflazione. Il Washington Consensus è stato promosso da istituzioni come la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale e il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

Questo nome fu proposto per la prima volta nel 1989 dall'economista liberale britannico James Williamson. Il Consenso è stato creato pensando ai paesi dell’America Latina. I paesi di questa regione furono immersi in una crisi del debito negli anni ’80. La crisi è stata causata dai governi di quei paesi che “flirtano” con il socialismo. Spesa sociale esagerata combinata con la nazionalizzazione di molti rami dell’economia. Ciò ha comportato grandi inefficienze, che nel tempo hanno portato alla crisi e al “decennio perduto”. Il consenso originale aveva lo scopo di contribuire a realizzare la trasformazione economica e aumentare il tenore di vita.

Grazie agli sforzi globali, Le direttive di consenso sono diventate parte del canone della politica economica mondiale. Fino ad oggi, le ipotesi vengono propagate da Fondo monetario internazionale e la Banca Mondiale. Il Patto di Stabilità e Crescita del 1997 concluso tra i paesi dell’Unione Europea, sebbene spesso violato, si basava sui principi sviluppati da Williamson.

Le ipotesi originali del Washington Consensus

Il Washington Consensus presuppone la limitazione dell’intervento statale nell’economia e l’apertura ai contatti economici con altri paesi. Il Washington Consensus ha fortemente sottolineato la necessità di liberalizzare il commercio e i flussi di capitale, nonché la privatizzazione. Nei suoi presupposti, la disciplina monetaria e la riforma sono molto importanti semplificazioni nel sistema fiscale e agevolare la costituzione e la liquidazione delle imprese. Nella sua forma originale, il Consenso conteneva 10 ampi insiemi di raccomandazioni politiche, che includono:

  1. Mantenere la disciplina della politica fiscale. L’azione nell’ambito di questo principio si basava sul mantenimento di un basso deficit di bilancio. Ciò aveva lo scopo di migliorare la percezione del paese sulla scena internazionale. Il deficit più contenuto avrebbe dovuto contribuire a ridurre i costi degli interessi.
  2. Dare priorità alla spesa pubblica. Le risorse finanziarie pubbliche dovrebbero essere reindirizzate a scopi favorevoli allo sviluppo. Queste includono la spesa per lo sviluppo delle infrastrutture, dell’istruzione e dell’assistenza sanitaria. Le infrastrutture, in particolare, sono fondamentali per sostenere la crescita economica a lungo termine e ridurre le disparità tra le regioni.
  3. Riforme fiscali mirava a ridurre le aliquote fiscali marginali e ad espandere la base imponibile. Lo scopo di questa ipotesi era la riforma fiscale volta a ridurre le aliquote fiscali, in particolare sulle imposte sul reddito relative a beni e servizi. La riduzione delle tasse aveva lo scopo di ridurre la zona grigia e incoraggiare l’attività economica.
  4. Tassi di interesse – il compito della banca centrale era controllare l’inflazione e mantenere tassi di interesse reali positivi. Naturalmente, era importante che la banca centrale non mantenesse i tassi di interesse artificialmente alti.
  5. Tassi di cambio. Un tasso di cambio unico dovrebbe essere mantenuto e mantenuto a un livello sufficientemente competitivo per stimolare le esportazioni. Un tasso di cambio fisso era un’idea restrittiva per costringere i governi e le banche centrali ad agire con cautela.
  6. Liberalizzazione del commercio. Il presupposto principale di questa direttiva era l'abolizione di varie restrizioni, soprattutto quantitative, ma anche la protezione commerciale, che si è manifestata nel processo di riduzione dei dazi doganali e nell'adattamento di una tariffa doganale unica ad un livello medio del 10%. Grazie a ciò, i mercati furono aperti a prodotti e servizi stranieri, il che avrebbe dovuto modernizzare il settore attraverso una maggiore concorrenza.
  7. Liberalizzazione dei flussi di investimenti diretti esteri. Lo scopo di questa ipotesi era quello di eliminare le barriere all’ingresso delle aziende straniere sul mercato e trattarle come imprese di proprietà statale. Grazie a ciò, gli investimenti dovevano fluire verso un paese del genere. Allo stesso tempo, il tasso di cambio stabile ha fatto sì che gli investitori stranieri non dovessero preoccuparsi del rischio di cambio.
  8. Privatizzazione delle imprese statali. Per migliorare l’efficienza del settore privato, il settore statale doveva essere privatizzato. Affinché la privatizzazione avesse successo, era necessario coinvolgere gli investitori stranieri. Teoricamente, la privatizzazione avrebbe dovuto migliorare la qualità della gestione, contribuendo a migliorare la redditività del capitale investito.
  9. Deregolamentazione dei mercati relative alle regole di accesso al mercato e di sostegno alla concorrenza. Lo Stato dovrebbe abolire le norme che ostacolano l’ingresso nel mercato o limitano la concorrenza. Solo le società legate alla sicurezza nazionale, alla protezione ambientale e alla supervisione prudenziale degli istituti finanziari dovrebbero essere esentate da questa regola. Le società dovrebbero essere illimitate e operare secondo le regole prevalenti sul mercato. Questa azione aveva lo scopo di facilitare la creazione di nuove società con capitale nazionale ed estero.
  10. Tutela dei diritti di proprietà. Lo Stato dovrebbe avere garanzie relative alle sue proprietà e avere sicurezza in caso di nazionalizzazione. Ciò aveva lo scopo di incoraggiare il capitale straniero a effettuare investimenti maggiori.

Leggendo le direttive, si può vedere che erano molto vantaggiose per le grandi società straniere che disponevano di grandi quantità di denaro. Grazie alla deregolamentazione, queste aziende hanno potuto conquistare rapidamente quote di mercato nelle economie che si aprivano al mondo. Come la storia ha dimostrato, in molti casi è stato così.

Supplementi al Washington Consensus

Negli anni successivi alla prima versione del Consenso si decise di estendere o modificare le raccomandazioni. Ciò è il risultato delle prime esperienze dopo l’introduzione del Washington Consensus. Il grande svantaggio era che non era flessibile. Pertanto, soluzioni simili sono state raccomandate per le piccole economie e per i paesi con decine di milioni di cittadini. Le correzioni introdotte riguardano:

  • Aumentare la disciplina di bilancio – monitorare le spese e riscuotere le tasse,
  • Riorientamento della spesa pubblica – il Paese dovrebbe analizzare attentamente quali sono gli obiettivi della politica sociale e tagliare la spesa sociale che non è coerente con gli obiettivi,
  • Riforme fiscali più ampie – evitare scappatoie fiscali che potrebbero turbare l’equilibrio dell’economia,
  • Introduzione di una moderna vigilanza bancaria – si tratta di stabilizzare il settore bancario, riducendo così al minimo il rischio di una crisi bancaria,
  • Tasso di cambio più flessibile – leggere svalutazioni o rivalutazioni consentite per evitare crisi valutarie,
  • Soluzioni globali a sostegno della competitività dell’economia – un’equa privatizzazione o deregolamentazione dell’economia e una maggiore flessibilità del mercato del lavoro,
  • Una banca centrale indipendente – la politica monetaria dovrebbe essere indipendente dall’attuale gioco politico nel paese,
  • Sostenere la liberalizzazione del commercio interregionale – aderire a zone di libero scambio transnazionali.

Esempi del consenso di Washington

Questi principi furono applicati anche ai paesi costretti a subire una trasformazione politica. Tra questi c'era anche la Polonia che, durante la sua trasformazione economica, utilizzò le raccomandazioni del Consenso per creare il "Piano Balcerowicz". Nel caso della Polonia la cosa più importante era la stabilizzazione macroeconomica e la trasformazione dell’economia, ma il piano è stato attuato rapidamente e violentemente. Come risultato di queste azioni, è stato abbassato inflazione e il deficit di bilancio, tuttavia, ciò ha comportato un aumento della disoccupazione e un deterioramento della situazione finanziaria di singoli settori della società.

Paesi dell’America Latina

Come accennato in precedenza nell'articolo, abbiamo accennato al fatto che il Washington Consensus è stato introdotto in risposta alla cosiddetta La Decada Pedida, o "il decennio perduto". I paesi dell’America Latina erano alle prese con una grave crisi del debito. Appoggiato al muro loro devono accettare di attuare le riforme neoliberiste. Le regolamentazioni nell’economia furono ridotte, cosa che colpì anche i sindacati. Inoltre, è stata introdotta un’ampia privatizzazione. Tuttavia, nel caso dei paesi dell’America Latina, il neoliberismo è stato associato anche a scandali di corruzione. Ciò ha scoraggiato i cittadini dal proseguire le riforme. In alcuni paesi, la liberalizzazione introdotta in modo inadeguato ha portato ad un aumento dei sentimenti di sinistra. Un ottimo esempio è il Venezuela, che negli anni ’80 era il “malato dell’America Latina”.

Venezuela – preludio a Hugo Chávez

Il Venezuela negli anni ’60 e ’70 era l’”Arabia Saudita” del Sud America. Enormi profitti da olio ha portato il paese a modernizzarsi rapidamente. Furono fatti grandi investimenti infrastrutturali e si iniziarono a sviluppare progetti sociali. Questo avrebbe dovuto portare a livellare le differenze di sviluppo economico tra le regioni. Tuttavia, nel caso della politica sociale, i progetti non hanno portato grandi risultati. Tuttavia, grazie al prezzo elevato del petrolio, i problemi strutturali sono stati mascherati. Tuttavia, il forte calo dei prezzi del petrolio negli anni ’80 portò ad una crisi del debito e al deterioramento delle prospettive economiche. Il vero shock fu il cosiddetto Black Friday del 1983. C’è stata una svalutazione del bolivar venezuelano. Alla fine, il governo di Luis Herrera dovette dichiarare insolvente il suo debito estero.

La svalutazione ha causato una diminuzione del potere d’acquisto dei venezuelani del 75%. Il paese è alle prese con una difficile situazione economica da molti anni. La riluttanza verso l’attuale politica economica cresceva e le idee neoliberiste diventavano sempre più popolari sulla scena politica. Nel 1988, Carlos Andreas Perez, inizialmente contrario alla politica del FMI, salì al potere. Durante la campagna elettorale ha parlato duramente di istituzioni come il Fondo monetario internazionale e la Banca mondiale. Tuttavia, la situazione economica era così difficile che il governo venezuelano alla fine ha deciso di adottare un pacchetto di riforme basato sul Washington Consensus.

Alla fine, El Gran Viraje (ovvero La Grande Inversione di tendenza) ha portato al taglio dei sussidi per il carburante e alla deregolamentazione dell’economia. Il pubblico non ha apprezzato i pacchetti di riformepiù colpiti dalle riforme iniziali. Di conseguenza ebbe luogo il famoso Caracazo, ovvero grandi proteste sociali, che furono represse nel sangue. Negli scontri morirono 277 persone. Stime non ufficiali dicono che morirono diverse migliaia di persone. Ciò non ha fermato le ulteriori riforme del Venezuela.

Tentativo di colpo di stato

Il passo successivo è stata la privatizzazione delle imprese chiave. Alla fine del 1991, il governo venezuelano aveva venduto azioni di tre banche, un cantiere navale, una compagnia aerea, una fabbrica di zucchero e una società di telecomunicazioni. Durante la privatizzazione si è ripetuto ripetutamente che le aziende sarebbero state vendute a un valore notevolmente inferiore al loro valore intrinseco. Alcuni giornalisti hanno affermato che i politici del partito al governo responsabile della privatizzazione hanno preso tangenti molto ingenti. La buona situazione economica ha portato... la crescita economica all’inizio degli anni ’90 era del 9%, che è stato il risultato più alto tra i paesi dell'America Latina. Le riforme furono interrotte da un tentativo di colpo di stato nel 1992 da parte del Movimento Bolivariano guidato da Hugo Chávez. Anche se il colpo di stato fallì, fu un trampolino di lancio per la popolarità di Chavez nella società venezuelana.

Gli anni 1993-1994 videro un'ulteriore instabilità politica. La situazione cambiò solo dopo che Rafael Caldera vinse le elezioni nel 1994. Il problema era la corruzione astronomica, che causava una crescente stratificazione sociale e l’avversione della parte più povera della società verso l’attuale governo. Anche la situazione instabile delle banche venezuelane non ha migliorato la situazione. Nel 1994-1995 c'erano molte banche sull’orlo della bancarotta e fu nazionalizzata dal governo. I consulenti hanno incoraggiato Caldera a perseguire ulteriori riforme economiche. Nel 1996 fu introdotto un altro piano chiamato Agenda Venezuela. Presupponeva la liberalizzazione del metodo di fissazione dei tassi di interesse sul mercato e la creazione di un regime valutario parzialmente fluttuante. Anche i controlli sui prezzi (ad eccezione dei medicinali) furono aboliti e i controlli sui flussi di capitale furono ridotti. Ciò ha comportato un rapido afflusso di investimenti esteri. Di conseguenza, nel 1997 il PIL è aumentato del 5%. Sfortunatamente, nello stesso anno, in Asia si verificò un problema che fece crollare i prezzi del petrolio. Il calo delle entrate di bilancio ha comportato una riduzione automatica delle spese. Di conseguenza, la spesa (compresa quella sociale) ha cominciato a ridursi.

Durante il governo di Caldera furono fatti tentativi per combattere la corruzione, ma non ebbero successo su larga scala. La resistenza di funzionari e politici alla trasparenza ha fatto sì che di tanto in tanto scoppiassero degli scandali. Alla fine, la società venezuelana si è stancata della liberalizzazione dell’economia. Tutto ciò che restava dei grandiosi annunci sull’aumento della prosperità era la delusione. Non c’è da stupirsi che nel 1998 vinse le elezioni Hugo Chávez, che parlava di abbandonare il Washington Consensus, di nazionalizzare alcuni settori dell’economia e di aumentare i trasferimenti sociali. Alla fine, dopo anni di esperimenti con il chavismo, il Venezuela si trova in una situazione ancora peggiore rispetto al 1998.

Discussione sul Washington Consensus

Il tema del Washington Consensus è controverso da anni. Alcuni critici nutrono dubbi sulle ipotesi iniziali relative all’apertura dei paesi in via di sviluppo al mercato globale. Senza un periodo di transizione, le aziende regionali sono state letteralmente “mangiate” da aziende straniere meglio gestite e più ricche. La deregolamentazione del mercato del lavoro ha reso la posizione dei lavoratori più debole rispetto a prima delle riforme liberali. Le leggi neoliberiste hanno avvantaggiato le persone intraprendenti o quelle strettamente legate al governo. Questi ultimi esempi, in particolare, hanno causato frustrazione tra la parte più povera della società. C'è stato anche un fenomeno privatizzare i profitti e nazionalizzare le perdite. Questo è stato il caso del Venezuela, quando il governo ha dovuto nazionalizzare alcune banche. Ciò non ha impedito ai dirigenti di queste banche di ricevere salari elevati.

Altri partecipanti alla discussione sul consenso sostengono che il problema risiede nelle aree che mancano nella prima serie di raccomandazioni. Ciò comprende: sviluppo istituzionale e pari opportunità tra i cittadini. Anche l'aspetto del miglioramento delle condizioni di vita dei più poveri è stato trascurato, perché si credeva che "l'alta marea solleverà tutte le barche". Sfortunatamente, si è scoperto che alcune barche avevano dei buchi.

Il problema più grande con il Consenso è la sua rigorosa applicabilità a diverse situazioni in diverse economie. Restrizioni identiche su deficit, debito pubblico, tasse basse e privatizzazione delle imprese statali. Un altro problema era spesso l’imposizione di queste ipotesi a paesi che non erano disposti ad attuarle rapidamente. I metodi utilizzati includono la rimozione delle barriere commerciali, la deregolamentazione dei mercati e la privatizzazione pertanto, non hanno portato i risultati attesi. Inoltre, l’obbligo restrittivo di mantenere la disciplina fiscale ha contribuito alla soppressione della crescita economica.

Tuttavia, il vero problema era spesso interno alla classe politica. Dopotutto, le riforme liberali in Polonia si sono generalmente rivelate un successo. Tuttavia, in America Latina si sono conclusi con un “piccolo disastro”. Un problema particolarmente grosso è stata la corruzione, che è fiorita durante la privatizzazione. Anche la Polonia non è stata esente da questo fenomeno, soprattutto negli anni Novanta. La storia del Washington Consensus lo dimostra Non esistono soluzioni miracolose quando si parla di sviluppo sostenibile. Dovrebbero ricordarselo anche coloro che attualmente credono che il “modello cinese” possa essere facilmente applicato ad altri paesi.

Cosa ne pensi?
Io
20%
interessante
80%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
Forex Club
Forex Club è uno dei più grandi e antichi portali di investimento polacchi - forex e strumenti di trading. È un progetto originale lanciato nel 2008 e un marchio riconoscibile focalizzato sul mercato valutario.