principiante
Adesso stai leggendo
Il prezzo del cacao è da record. Il problema del cacao dei magnati del mercato azionario
0

Il prezzo del cacao è da record. Il problema del cacao dei magnati del mercato azionario

creato Forex ClubAprile 3 2024

La produzione di dolci sembra essere un buon affare perché gran parte della società ama consumare dolci. Il cioccolato e i prodotti che lo contengono sono uno dei dolci più apprezzati. È stata un'attività redditizia per molti anni perché il mercato era maturo e in costante crescita. I prezzi delle materie prime sono rimasti bassi per molti anni, il che ha consentito di monitorare il margine. Ma negli ultimi mesi si è registrato un forte aumento dei prezzi del cacao, che ha recentemente superato il livello di 10 dollari per tonnellata, che è superiore al livello attuale prezzo del rame. Vale la pena ricordare che nel corso dell'anno il prezzo di questa materia prima aumentato di oltre il 230%. Il motivo è stato un raccolto molto scarso Ghana, Camerun e Costa d'Avorio. Uno dei più grandi produttori di cioccolato, cioè Barry Callebaut Si stima che la carenza di cacao sul mercato sia attualmente pari a circa il 10% del consumo annuo, ovvero 500. tono.

Il cacao è una delle materie prime fondamentali per la produzione di cioccolato e cioccolatini. La loro produzione richiede massa di cacao o grasso di cacao. Più il cacao è caro, più alti sono i costi di produzione, il che porta i produttori a una domanda importante: come difendere il margine?

Perché il prezzo del cacao è in aumento?

Il prezzo del cacao sta aumentando perché i raccolti nell’Africa occidentale sono diminuiti drasticamente. Ma cosa ha causato questa situazione? Il motivo principale è stato un fenomeno meteorologico El Nino, che ha portato ad un aumento delle precipitazioni nel dicembre 2023. Di conseguenza, il fungo si diffuse e attaccò le piantagioni. Poi il raccolto è stato colpito da una grave siccità, che ha ridotto notevolmente il raccolto di cacao. Il clima secco e rigido ha costretto gli agricoltori ad aumentare i prezzi a causa dei raccolti più deboli. Un altro problema era l’invecchiamento degli alberi di cacao, che cominciavano a produrre raccolti leggermente peggiori e ad aumentare i costi della loro coltivazione. Naturalmente questo non è stato un fattore chiave, ma ha avuto un impatto negativo sull’approvvigionamento di materie prime. Neanche questo aiuta sviluppo minerario, che distrugge le foreste e abbassa il livello delle acque sotterranee. A causa di questo ambiente non sorprende che la produzione di cacao sia diminuita di diverse decine di punti percentuali. In Ghana, le previsioni di raccolto per il 2024 sono diminuite di oltre il 20%, mentre nel caso della Costa d'Avorio di oltre il 30%.

Un fatto interessante è che in Ghana e Costa d'Avorio il prezzo di vendita da parte degli agricoltori è regolamentato ed è attualmente di 1600 dollari a tonnellata. Gli intermediari e i commercianti guadagnano. Ciò scoraggia anche i coltivatori dall’aumentare la produzione. La situazione è diversa in Sud America, dove i prezzi sono determinati dal mercato. Di conseguenza, in paesi come Brazylia czy Ecuador intendono aumentare la produzione. Sfortunatamente, la fornitura aumenta nel tempo poiché ci vogliono 3 anni affinché gli alberi maturino abbastanza. Quindi puoi aspettartelo al più tardi Tra qualche anno il prezzo sul mercato del cacao si normalizzerà.

L’aumento dei prezzi del cacao incide sui costi di produzione del cioccolato. Una tavoletta media di cioccolato al latte (30% di cacao) contiene circa il 20% di burro di cacao. I produttori di prodotti a base di cioccolato talvolta decidono di sostituire del tutto o in parte il burro con sostituti (ad esempio olio di palma). Ne traggono vantaggio i produttori di tali sostituti, uno di questi è la società svedese AAK AB, quotata alla Borsa di Stoccolma. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, questo vale per i prodotti in cui il cioccolato stesso non svolge il ruolo più importante. Un esempio di ciò è la copertura di cioccolato nelle caramelle o nel cioccolato di qualità inferiore (dove i consumatori si concentrano più sulla dolcezza del prodotto che sulla profondità del sapore). Naturalmente non tutte le aziende adottano tali pratiche. Nestlé nel febbraio 2024 ha affermato che non intendeva modificare le normative a causa delle variazioni dei prezzi dei prodotti. Secondo lui, a lungo termine, un'azione del genere sarebbe una zappata, perché i clienti Nestlé si aspettano una certa qualità.

Vale la pena aggiungere che non è solo il prezzo del cacao ad aumentare. Il problema riguarda anche il latte o zucchero. Ciò significa che i produttori di dolciumi hanno registrato un aumento dei prezzi di molte materie prime chiave per la produzione di prodotti dolciari. Ciò può essere visto chiaramente nel grafico presentato da Barry Callebaut.

00 cacao e altri prodotti

Fonte: Barry Callebaut

Il caro cacao è un problema per i giganti del cioccolato

I consumatori di cacao hanno difficoltà a trovare sostituti del cacao. Ovviamente puoi ridurre il consumo di cacao aumentando lo zucchero, “riempitivi” o ridurre il peso dei prodotti finali. L'aumento dei prezzi preoccupa i produttori di cioccolato perché nessuno lo fa “Hermes al cioccolato”. Ciò significa che i destinatari del prodotto sono sensibili al prezzo. Per questo motivo non possono accettare alcun aumento dei prezzi dei prodotti finiti. Allo stesso tempo, i produttori stessi non possono farsi carico dell’intero aumento delle materie prime perché ciò colpirebbe troppo duramente i loro risultati finanziari. Gli aumenti sono quindi garantiti e sono già stati ottenuti, tra gli altri, da Lindt, Mondelez czy Hershey. Esiste anche una strategia di aumento nascosto dei prezzi riducendo il peso dei prodotti finiti. Le potenziali soluzioni al problema della riduzione dei margini includono:

  • aumentare il prezzo dei prodotti,
  • applicazione restringimento,
  • modifica della composizione del prodotto,
  • ristrutturazione dei costi,
  • coprire una posizione sul cacao.

Aumentare i prezzi non è una strategia facile perché il mercato è molto competitivo. Le persone sono sensibili alle variazioni dei prezzi e i produttori quotati non hanno un marchio abbastanza forte per aumentare i prezzi senza timore di perdere quote di mercato. Dominano i produttori di cioccolato per il mercato di massa (Mondelez, Hershey) o i marchi premium (Lindt). Vale la pena ricordare che i marchi premium non sono marchi di lusso, quindi devono fissare obiettivi basati sui dati di mercato.

Allo stesso modo è difficile ridurre la grammatura perché nell’era dei social media tali informazioni si diffondono molto velocemente. Naturalmente, l’indignazione dei clienti è spesso solo temporanea e dopo un po’ di tempo questi tendono a ritornare alle loro abitudini di acquisto. Tuttavia, molte aziende hanno già deciso di compiere un passo del genere. Il cioccolato è un esempio Fronda, che ha ridotto il peso di alcuni prodotti da 100 grammi a 80-90 grammi (a seconda del tipo di cioccolato).

Un’altra soluzione al problema dell’aumento dei prezzi del cacao è espandere il portafoglio di prodotti con un contenuto di cacao inferiore. Questi includono gelatine, biscotti, gelati, confetti e caramelle alla frutta. Un grosso problema per i produttori di cioccolato è che non si tratta di un prodotto di prima necessità. Pertanto, quando i prodotti diventano troppo costosi, i consumatori cercheranno dei sostituti (al posto del cioccolato compreranno gelatine o biscotti). Un'altra strategia è quella di cambiare "l'interno" di barrette e cioccolatini. A questo scopo vengono aggiunti più frutta secca, caramello alla frutta o gelatine. Ciò consente di ridurre il consumo di cacao nel prodotto finito senza dover ridurre il peso del prodotto.

Si può tuttavia concludere che la difficile situazione del mercato costringerà le aziende a rivedere i costi e ad ottimizzare i costi. Uno di questi potrebbe essere l’automazione delle attività di produzione o di back office. Ciò consentirà una migliore allocazione dei fondi nella società a lungo termine, che si tradurrà in una maggiore redditività operativa.

Un altro problema è che molti produttori di cioccolato si sono protetti contro gli aumenti dei prezzi. Il problema sarà il ribaltamento delle posizioni quando i produttori di cioccolato non saranno più in grado di beneficiare della riduzione dei prezzi del cacao. Ciò porterà a un “prossimo colpo” nei costi di produzione medi entro 6-12 mesi. Pertanto, è possibile che solo nel 2025 i risultati dei produttori di cioccolato inizieranno a migliorare.


DAI UN'OCCHIATA: Come investire nel cacao? [Guida]


La ristrutturazione come piano per i tempi difficili?

I problemi del settore sono già visibili. Nel quarto trimestre del 2023, Hershey ha registrato un calo dei ricavi del 6,6%, che è il risultato della sensibilità dei consumatori agli aumenti dei prezzi. Un altro problema è l’inflazione generale, che incide sul potere d’acquisto dei consumatori. Di conseguenza, la spesa per beni meno necessari viene ridotta. Hershey ha deciso di introdurre un programma di risparmio di 300 milioni di dollari. Ciò inciderà parzialmente sull'organico, che sarà ridotto di circa il 5%.

Anche uno dei maggiori produttori di cioccolato, lo svizzero Barry Callebaut, ha annunciato l'intenzione di ristrutturare il proprio debito. Secondo gli annunci, circa 500 dipendenti in Belgio perderanno il lavoro. Si prevede che il piano di risparmio complessivo raggiunga i 250 milioni di euro in due anni. Grazie ai risparmi verranno licenziati circa 2 dipendenti. Per fare un confronto, l'occupazione dell'azienda è di circa 500 persone. La ristrutturazione mira a migliorare la redditività dell'azienda in un contesto di mercato difficile. Allo stesso tempo, i fondi verranno reindirizzati verso nuovi investimenti, che dovrebbero raggiungere circa 13 milioni di euro.

Ciò è interessante perché Barry Callebaut ha un'attività diversificata in cui produce sia cacao, burro di cacao che polvere. Inoltre, ha un'attività di produzione di cioccolato su ordinazione. D’altro canto la situazione si spiega con il fatto che meno consumi significano meno produzione. Pertanto, le attività manifatturiere subiranno un calo dei volumi.

tabella del cacao

Il modello di business dell'azienda. Fonte: Barry Callebaut

Somma

Le aziende legate all'industria dolciaria stanno attraversando un momento difficile, soprattutto le aziende specializzate nella produzione di prodotti a base di cioccolato. Nel corso dell'ultimo anno Le azioni di Hershey sono scese di oltre il 20%, a sua volta, i vantaggi dello svizzero Barry Callebaut è sceso del 33%.

Grafico dei produttori di cioccolato

Azioni Hershey (giallo) e Mondelez (blu) contro l'indice dei prezzi del cacao (verde-rosso). Fonte: XTB xStation

L’attuale squilibrio è temporaneo (la probabilità di un El Nino così grande ogni anno è trascurabile), ma ci vorranno diversi trimestri o addirittura 3 anni per ricostruire la produzione (il ciclo di crescita di un albero che porta i suoi frutti). Il vantaggio è sicuramente l’ampliamento della produzione in America Latina, che consentirà di stabilizzare l’approvvigionamento di materie prime nei prossimi anni. Tuttavia, nei prossimi mesi, gli elevati costi delle materie prime potrebbero tradursi in margini leggermente peggiori o in un calo dei volumi di vendita. Naturalmente, in futuro le persone si abitueranno a prezzi nominali più alti, che consentiranno alle aziende di espandere i propri margini. Oltre all’incertezza legata ai prezzi delle materie prime, vale la pena menzionare i potenziali cambiamenti nelle abitudini alimentari. Se Ozempic riducesse il consumo globale di cioccolato, i produttori di tali prodotti dovranno ristrutturare in modo significativo le loro attività. Tuttavia, per ora, la domanda di prodotti a lungo termine non sembra essere minacciata.

Cosa ne pensi?
Io
33%
interessante
67%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
Forex Club
Forex Club è uno dei più grandi e antichi portali di investimento polacchi - forex e strumenti di trading. È un progetto originale lanciato nel 2008 e un marchio riconoscibile focalizzato sul mercato valutario.