Notizie
Adesso stai leggendo
Paura nei mercati, prevalgono gli orsi, conservatorismo in Cina
0

Paura nei mercati, prevalgono gli orsi, conservatorismo in Cina

creato Forex ClubFebbraio 26 2023

La scorsa settimana è stata segnata dal predominio degli "orsi". Segnali di deterioramento degli umori sui mercati azionari sono apparsi prima, ma solo negli ultimi giorni hanno innegabilmente enfatizzato il vantaggio dei venditori. I mercati azionari hanno seguito il calo delle obbligazioni per diverse settimane. I timori per il futuro e il nervosismo degli investitori si riflettono nel rialzo dell'indice VIX, noto come "indice della paura".

Il deterioramento del sentiment di mercato è correlato alla crescente pressione sulla Federal Reserve. Le aspettative di mosse più restrittive da parte della Fed significano che ci sono sempre più segnali nei mercati che indicano un aumento dell'avversione al rischio. L'assenza di sintomi inequivocabili che confermino il rimbalzo dinamico dell'economia cinese inibisce anche l'ottimismo degli investitori.

Gli orsi prevalgono

L'inizio di settimana relativamente calmo a causa della mancanza di sessione sulla borsa statunitense non ha preannunciato tali emozioni nei giorni successivi. Martedì, gli indici statunitensi hanno registrato il peggior giorno dell'anno, perdendo oltre il 2%. Inoltre, i cali dinamici non hanno incoraggiato i "cercatori di buchi" ad aumentare la loro attività e ad approfittare dei prezzi delle azioni più bassi. Benzina sul fuoco è stata aggiunta dalla lettura di venerdì dell'indice di inflazione PCE, che si è rivelato essere il "chiodo nella bara" e ha causato un peggioramento del declino. Infine, l'indice S&P 500 ha chiuso la settimana con una perdita del 2.67%. Il sentimento ribassista ha dominato anche il trading per l'indice Nasdaq, che ha restituito un tasso del -3.32%.

Gli indici delle borse europee non hanno resistito ai ribassi. L'entità del sell-off che ha colpito le borse europee, tuttavia, conferma la loro forza relativa l'iniziativa apparteneva al lato dell'offerta questa settimana. Il DAX tedesco ha perso l'1.76% durante la settimana. L'indice francese CAC 40 (-2.18%) e quello britannico hanno mostrato caratteristiche simili FTSE 100 (-1.57%).

Gli indici dei mercati emergenti sono stati interessanti questa settimana, con il cinese Shanghai Composite (1.34%) in testa, in grado di contrastare il sentiment negativo. Il mercato azionario in Brasile ha chiuso la settimana in "rosso" (index Bovespa ha perso il 3.09%). L'ottimismo è "evaporato" anche da altri mercati. L'indice Hang Seng ha registrato una perdita del -3.43%, e l'indiano Sensex è stato altrettanto debole, perdendo il 2.52%.

Anche i titoli della Borsa di Varsavia sono stati messi sotto pressione dai venditori. La debolezza delle banche e delle società di materie prime ha portato a calo dell'indice WIG20 del 2.79%. Le piccole e medie imprese hanno cercato di resistere al sentiment negativo, ma anche nel loro caso il bilancio finale è risultato sfavorevole (l'indice sWIG80 ha perso lo 0.12%, e l'mWIG40 ha ottenuto un tasso di rendimento del -1.70%).

L'indice W.1 ritorna nell'ultima settimana. Fonte: studio proprio, Stooq.pl

V.1 Rendimenti dell'indice Nell'ultima settimana. Fonte: studio proprio, Stooq.pl

Paura visibile nei mercati

Gli aumenti dinamici delle attività rischiose nelle ultime settimane hanno fatto sì che il sentiment degli investitori sia migliorato in modo significativo e la sensazione di avidità era decisamente più comune della paura. Il "sonno" della vigilanza da parte degli investitori, di fronte a circostanze sfavorevoli (compreso un aumento del livello atteso dei tassi di interesse target nelle principali economie), ha creato una grande opportunità per gli "orsi" di assumere il controllo del mercato.

Il cambiamento di umori e l'insorgere di incertezza tra gli investitori è perfettamente riflesso dall'indice VIX, che ha ricordato a molti in questi giorni. Il VIX, comunemente indicato come "indice della paura", è un indicatore che riflette le aspettative del mercato in merito alla volatilità l'indice S&P 500 entro i successivi 30 giorni. La base per il calcolo del valore dell'indice VIX è la volatilità implicita delle opzioni S&P 500 con date di scadenza comprese tra 23 e 37 giorni.


LEGGI NECESSARIO: VIX - Indice di paura come barometro del sentiment degli investitori


Nelle ultime settimane, il VIX non ha mostrato segni di nervosismo da parte degli investitori. Per la maggior parte di gennaio e febbraio, il valore dell'indice è stato vicino ai 20 punti, essendo allo stesso tempo vicino al minimo di diversi mesi. Anche l'entità delle fluttuazioni dell'indice non è stata straordinaria, ma nell'ultima settimana si sono manifestati sintomi che indicano un cambiamento nella situazione attuale. L'indice ha registrato un significativo rialzo (soprattutto durante la seduta di martedì), raggiungendo i livelli più alti da dicembre 2022.

W.2 Quotazioni dell'indice VIX. Fonte: studio proprio, CBOE

V.2 Citazioni Indice VIX. Fonte: studio proprio, CBOE

Il VIX è stato definito un "indicatore di paura" a causa della sua associazione negativa con il comportamento degli indici di borsa. Tenendo conto delle quotazioni storiche dell'indice S&P 500, si può osservare che i ribassi dinamici delle azioni sono correlati all'aumento dell'indice VIX. Abbiamo dovuto affrontare tali situazioni, ad esempio, al momento dello scoppio della pandemia di coronavirus o dello scoppio della guerra in Ucraina.

W.3 Performance dell'indice VIX e comportamento dell'S&P 500. Fonte: studio proprio, CBOE, Stooq.pl

V.3 Citazioni Indice VIX e comportamento S&P 500. Fonte: studio proprio, CBOE, Stooq.pl

Il legame tra l'indice di borsa VIX e l'S&P 500 è particolarmente evidente quando si verificano forti movimenti direzionali. Il balzo dell'indicatore osservato la scorsa settimana può essere considerato come un altro segnale di allarme per gli investitori. Un aumento del valore del VIX indica più nervosismo e crescente volatilità nel mercato azionario.

La relazione tra il VIX e l'indice S&P 500 viene catturata al meglio da un elevato coefficiente di correlazione negativo. La misura mobile stimata sulla base di 100 osservazioni negli anni 2010-2023 è stata mediamente pari a -0.8157, il che conferma l'elevata dipendenza delle quotazioni dell'"indice della paura" e dei tassi di rendimento del mercato azionario.

W.4 Coefficiente di correlazione tra l'indice VIX e lo S&P 500. Fonte: studio proprio, CBOE, Stooq.pl

W.4 Coefficiente di correlazione tra Indice VIX a S&P 500. Fonte: studio proprio, CBOE, Stooq.pl

Tenendo conto della correlazione negativa, questo indicatore potrebbe essere utilizzato dagli investitori come strumento che consente loro di realizzare profitti in periodi di ribasso delle borse o come elemento di messa in sicurezza del portafoglio. Tuttavia, al momento non esiste alcuna opzione per acquistare o vendere direttamente un indice, ma un modo diffuso per ottenere esposizione all'"indice della paura" è quello di utilizzo degli ETF. Rientra in questo gruppo, ad esempio, lo strumento Lyxor S&P 500 VIX Futures Enhanced Roll UCITS ETF - Acc, il cui scopo è quello di mappare le quotazioni dell'indice VIX. L'efficacia della soluzione funziona soprattutto a breve termine, poiché la necessità di rinnovare quotidianamente i contratti e sostenere costi a lungo termine ha un impatto negativo sul risultato raggiunto.

W.5 Comportamento di Lyxor S&P 500 VIX Futures Enhanced Roll UCITS ETF - Acc rispetto all'indice VIX. Fonte: studio proprio, CBOE, Stooq.pl

W.5 Comportamento Lyxor S&P 500 VIX Futures Enhanced Roll UCITS ETF – Acc contro Indice VIX. Fonte: studio proprio, CBOE, Stooq.pl

I verbali della Fed non hanno provocato alcuno shock

I verbali della riunione della Fed pubblicati mercoledì sono stati descritti come uno degli eventi più importanti della settimana. In ultima analisi, questo evento può essere riassunto con la frase "da una grande nuvola un po' di pioggia". L'importanza dei "minuti" era leggermente inferiore al solito, ad es. a causa dei dati macroeconomici rilasciati dopo la riunione della Fed. Tuttavia, il tono generale dei verbali conferma l'atteggiamento da falco dei membri dell'istituzione responsabile della definizione della politica monetaria negli Stati Uniti.

Nei "minuti" ci sono informazioni su l'inflazione rimane ben al di sopra del target fissato dalla Fed al livello del 2%. Allo stesso tempo, è stata richiamata l'attenzione sulla situazione di tensione nel mercato del lavoro, che contribuisce alla continua pressione sugli aumenti dei prezzi e dei salari. I partecipanti alla riunione hanno sottolineato che negli ultimi mesi si potrebbe osservare un auspicabile calo della crescita dell'inflazione, ma sarebbero necessarie ulteriori prove per confermare in modo permanente la tendenza osservata. Diversi membri della Fed nell'ultima riunione hanno auspicato un aumento di 50 punti base, che dimostrerebbe una maggiore determinazione nel combattere l'inflazione e avvicinare i tassi di interesse a livelli che indicano una posizione sufficientemente restrittiva in termini di stabilità dei prezzi.

Lo affermava il protocollo alcuni membri della Fed vedono un aumento del rischio di recessione. Allo stesso tempo, la posizione prevalente è che l'economia eviterà lo "scenario oscuro" e avrà solo un "atterraggio morbido" sotto forma di rallentamento della crescita economica. I partecipanti all'incontro, tuttavia, sottolineano la grande incertezza riguardo al futuro, ad es. a causa della guerra in corso in Ucraina, dell'apertura dell'economia cinese o delle prolungate tensioni sul mercato del lavoro.

La pubblicazione dei "minuti" non ha avuto un grande impatto sul mercato azionario o obbligazionario statunitense, ma vale la pena prestare attenzione alla reazione del mercato FX. I messaggi aggressivi dei membri della Fed hanno portato a un apprezzamento del dollaro USA. Il tasso di cambio contro l'euro è sceso al livello più basso da diverse settimane, rompendo importanti supporti tecnici.

W.6 Quotazioni del tasso di cambio EUR/USD negli ultimi 3 mesi. Fonte: studio proprio, Stooq.pl

V.6 Citazioni Tasso di cambio EUR / USD negli ultimi 3 mesi. Fonte: studio proprio, Stooq.pl

La tendenza al rafforzamento del dollaro USA osservata negli ultimi giorni è un altro argomento che dimostra che la bilancia si sta inclinando verso lo scenario "risk-off" e gli investitori sono alla ricerca di un rifugio sicuro per il capitale. Il consolidamento di questa tendenza nei giorni successivi potrebbe essere una conferma della presa di controllo del mercato da parte del "campo ribassista". Il dollaro forte non favorisce i prezzi delle materie prime, come è diventato evidente nelle ultime sedute. La pressione al ribasso si è tradotta nei prezzi del rame, che per molti anni sono stati considerati un ottimo predittore della situazione economica (è opinione diffusa che il rame abbia un "dottorato in economia").

W.7 Prezzi del greggio e del rame negli ultimi 3 mesi. Fonte: studio proprio, Stooq.pl

V.7 Citazioni olio i rame negli ultimi 3 mesi. Fonte: studio proprio, Stooq.pl

Conservazione in Cina

Il comportamento delle materie prime dipende anche in modo significativo dalla situazione economica in Cina. L'economia globale nutre grandi speranze per l'apertura del Paese dopo un periodo di forti restrizioni legate alla pandemia di coronavirus. Osservando i rapporti dal Medio Regno, si può avere l'impressione che le autorità sono state finora molto caute e prudenti nell'attuare misure per stimolare la seconda economia mondiale.

Lunedì, la People's Bank of China ha tenuto una riunione, durante la quale è stato deciso di mantenere i tassi di interesse al livello attuale. La banca centrale ha lasciato il tasso di prestito base a 3.65 anno al 4.30%. Il tasso di interesse di riferimento a cinque anni per i mutui ipotecari è attualmente del XNUMX%. Tenendo conto del basso livello di inflazione, nonché delle sfide per le prospettive di crescita economica sotto forma di una situazione negativa sul mercato immobiliare, dell'indebolimento delle esportazioni e della fragile fiducia dei consumatori, è ampiamente previsto che i tassi di interesse diminuiranno nei prossimi mesi.

W.8 Tassi di interesse e inflazione CPI in Cina. Fonte: studio proprio, Investing.com

Livello W.8 tassi di interesse i Inflazione CPI in Cina. Fonte: studio proprio, Investing.com

La ripresa disomogenea è evidente negli ultimi dati sul credito. Nelle ultime settimane l'indebitamento delle imprese è notevolmente aumentato dopo la decisione della banca centrale di prorogare gli aiuti e l'ulteriore necessità di sostenere l'economia. A gennaio, i nuovi prestiti bancari sono balzati al livello record di 4.9 trilioni di yuan, pari a circa 713 miliardi di dollari.

Tuttavia, l'aumento dei prestiti è stato trainato principalmente da progetti di infrastrutture pubbliche e l'effettivo interesse da parte delle imprese è rimasto basso. Tuttavia, una maggiore domanda di prestiti ha portato a condizioni di liquidità più restrittive e un aumento dei tassi di interesse nel mercato interbancario. Pertanto, questa settimana sono apparse informazioni non ufficiali che indicano che la banca centrale ha inviato istruzioni informali alle istituzioni per ridurre il ritmo dei prestiti.

Inoltre, la People's Bank of China mantiene pressioni sulle banche per stimolare i consumi, ma queste azioni non portano i risultati attesi, poiché i consumatori sono molto cauti e spesso destinano fondi extra per rimborsare anticipatamente i mutui. L'operazione in cui i fondi dei prestiti al consumo più economici vengono utilizzati per rimborsare i mutui ipotecari è una pratica vietata dalle autorità di regolamentazione. In relazione a irregolarità e abusi in materia di credito al consumo, l'autorità di vigilanza bancaria cinese ha recentemente sanzionato cinque istituti finanziari.

Somma

Il pendolo nei mercati globali sta iniziando a oscillare nella direzione negativa. L'umore sulle borse mondiali si sta deteriorando e la lettura più alta dell'indice VIX in diversi mesi indica l'emergere della paura tra gli investitori. Un sintomo che conferma il cambiamento di sentiment sul mercato è anche l'apprezzamento del dollaro USA osservato negli ultimi giorni.

Le speranze di una ripresa economica in Cina sono finora alquanto deboli, il che non favorisce un aumento della propensione al rischio. Tenendo conto delle condizioni macroeconomiche e della continua pressione per aumentare i tassi di interesse da parte delle principali banche centrali, le prossime settimane saranno un vero banco di prova per gli investitori, e allo stesso tempo dovrebbero fornire una risposta alla domanda se l'ottimismo a cavallo del 2022/2023 non fosse prematuro.

Fonte: Piotr Langner, consulente per gli investimenti di WealthSeed


Dichiarazione di non responsabilità

Il presente documento costituisce solo materiale informativo ad uso del destinatario. Non deve essere inteso come materiale di consulenza o come base per prendere decisioni di investimento. Né dovrebbe essere inteso come una raccomandazione di investimento. Tutte le opinioni e le previsioni presentate in questo studio sono l'espressione dell'opinione dell'autore sulla data di pubblicazione e sono soggette a modifiche senza preavviso. L'autore non è responsabile per eventuali decisioni di investimento prese sulla base di questo studio. I risultati storici degli investimenti non garantiscono il raggiungimento di risultati simili in futuro.

Cosa ne pensi?
Io
0%
interessante
67%
Eh ...
33%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
Forex Club
Forex Club è uno dei più grandi e antichi portali di investimento polacchi - forex e strumenti di trading. È un progetto originale lanciato nel 2008 e un marchio riconoscibile focalizzato sul mercato valutario.

Lascia una risposta