Notizie
Adesso stai leggendo
Nessun americano significa minore volatilità
0

Nessun americano significa minore volatilità

creato Broker OANDA TMSNovembre 24 2023

Ieri gli americani hanno avuto un giorno libero per il Ringraziamento e oggi la seduta a Wall Street sarà accorciata. Dai dati macro statunitensi conosceremo solo i dati PMI preliminari. Il dollaro è stabile, come dimostra il consolidamento del tasso EUR/USD intorno a 1,09. Gli indicatori PMI europei hanno leggermente sorpreso al rialzo, ma indicano comunque che l’economia sta affrontando un periodo difficile.

Il calendario vuoto negli USA ha fatto sì che l'attenzione del mercato si spostasse sull'evoluzione della situazione sul mercato del petrolio greggio, cessate il fuoco nel conflitto Israele-Hamas e notizie dal mercato immobiliare cinese e dati PMI dall'Europa. Nel primo caso, la decisione OPEC + il rinvio della riunione prevista per questo fine settimana a causa del mancato accordo sui tagli alla produzione ha provocato una rapida perdita di petrolio mercoledì. Una parte dell'eredità è stata recuperata. Il WTI è a 76,5 USD. La volatilità dovrebbe essere più elevata fino alla riunione prevista per il 30 novembre.

Crisi del mercato immobiliare

In Cina abbiamo assistito ad un dibattito politico senza precedenti da parte del governo centrale sull’argomento sostegno al settore immobiliare, poiché secondo quanto riferito prevede di consentire alle banche di fornire prestiti a breve termine non garantiti agli sviluppatori. Sulla carta si tratta di un cambiamento positivo, ma allo stesso tempo segnala che Pechino è preoccupata per la crisi del mercato immobiliare.

Nella zona euro si registrano sempre più segnali di recessione. L’indice PMI dei servizi, il barometro economico più affidabile per l’area euro, è leggermente migliorato a 48,2 ma è rimasto in territorio di recessione a novembre. Nonostante un aumento di 0,7 punti a 43,8, anche l'indice del settore manifatturiero ha fatto lo stesso ciò non fa sperare in un miglioramento della situazione nel settore industriale. I dati di oggi potrebbero quindi alimentare speculazioni su un taglio dei tassi di interesse da parte della BCE. Tuttavia, data la pressione inflazionistica ancora elevata, un simile intervento è improbabile nel prossimo futuro. La BCE ha alzato i tassi di interesse di riferimento di ben 2022 punti base dalla metà del 450, frenando così l’economia. Allo stesso tempo, scarsi stimoli provengono dall’economia esterna, poiché non solo la BCE ma tutte le altre banche centrali occidentali hanno aumentato massicciamente i tassi di interesse.

L’economia britannica è in buona forma

La sterlina britannica ha guadagnato contro l'euro, il dollaro e le altre principali valute dopo che il sondaggio PMI britannico di novembre ha mostrato che l'economia stava andando meglio del previsto. Tasso di cambio GBP/USD è salito sopra 1,2550 e impostare nuovi massimi locali. Il PMI dei servizi è salito da 49,5 a 50,5, mentre gli economisti si aspettavano che rimanesse stabile, garantendo il ritorno alla crescita del settore più grande del Regno Unito a novembre. Il PMI manifatturiero è salito a 46,7 da 44,8 e ha superato la stima di consenso di 45.

Questa sorpresa positiva ha fatto sì che la GBP guadagnasse valore. Dopo i dati di oggi, la narrazione secondo cui la BoE manterrà i tassi di interesse a un livello elevato per molto tempo. La settimana scorsa il mercato prevedeva che nel 2024 il costo del denaro si sarebbe ridotto complessivamente di circa 80 punti base e possiamo aspettarci il primo movimento al ribasso a maggio. Ora la valutazione sarà probabilmente leggermente modificata.

Fonte: Broker OANDA TMS

Cosa ne pensi?
Io
0%
interessante
100%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
Broker OANDA TMS