Altro
Adesso stai leggendo
Regione MENA - opportunità e caratteristiche di investimento [Guida]
0

Regione MENA - opportunità e caratteristiche di investimento [Guida]

creato Forex ClubMarzo 3 2023

Ci sono molti acronimi nel mondo che raggruppano paesi e regioni specifici. Perché i più famosi sono BRIC czy APAC. La prima si riferisce ai paesi che erano tra i mercati in via di sviluppo più promettenti (Brasile, Russia, India, Cina). APAC, d'altra parte, è l'abbreviazione di Asia-Pacifico, che è un centro sempre più importante per lo sviluppo dell'economia globale. Naturalmente, ci sono anche sigle meno conosciute. Uno di essi è CEE cioè i paesi dell'Europa centrale e orientale. È una delle regioni "dimenticate" dagli investitori MENA. Nell'articolo di oggi, presenteremo quali paesi fanno parte di questa regione e come puoi investire in essa. Vi invitiamo a leggere!

Cos'è UOMINI

MENA è l'acronimo di Medio Oriente e Nord Africa. Quindi questi sono i paesi che si trovano in Medio Oriente e Nord Africa, in altre parole appartenenti al Golfo Persico o ai paesi musulmani dell'Africa. Vale la pena notare che MENA non ha un elenco fisso di paesi. Diverse organizzazioni definiscono i componenti dell'acronimo in modi diversi. Per esempio Banca Mondiale e la FAO includono Israele nella regione MENA, tuttavia Fondo monetario internazionale o UNICEF non più. Pertanto, il numero di paesi che compongono questa regione varia od 19 fare 27. Tuttavia, c'è un gruppo di paesi che lo sono "nucleo duro" e sono conteggiati come MENA da tutte le organizzazioni conosciute.

Questi paesi sono:

  • Algeria,
    regione mena paesi

    Paesi della regione MENA. Fonte: https://inst.colostate.edu/

  • Bahrein,
  • Egitto,
  • Giordania,
  • Kuwait,
  • Libano,
  • Libia,
  • Marocco,
  • Oman,
  • Cataro,
  • Arabia Saudita,
  • Siria,
  • Tunisia,
  • Emirati Arabi Uniti,
  • Yemen.

Secondo la Banca mondiale, la regione MENA rappresenta ca 6% della popolazione mondiale. Sembra che una percentuale così piccola della popolazione e un livello relativamente basso di sviluppo dell'intera area dovrebbero significare che la regione ha un'importanza minima nell'economia globale. Niente di più sbagliato. Paesi appartenenti a MENA, secondo il cartello dell'OPEC, Maggio più della metà delle riserve mondiali olio e circa il 40% delle riserve gas naturale. Non c'è da stupirsi che MENA lo sia "la pupilla dei miei occhi" sia per gli Stati Uniti che per la sempre più importante Cina economica e politica. La regione MENA e in particolare il paese del Golfo Persico sono un importante fornitore di risorse energetiche.

Vale la pena ricordare, tuttavia, che la regione è stata dilaniata da molti anni da conflitti. Negli ultimi 20 anni abbiamo assistito a:

  • invasione dell'Iraq,
  • guerra nello yemen,
  • Primavera araba,
  • caduta del regime di Gheddafi in Libia,
  • conflitti in Libano,
  • guerra civile in Siria.

Inoltre, alcuni paesi della regione non si piacciono molto. Un esempio è il rapporto tra Arabia Saudita e Iran. Entrambi i paesi competono nella regione del Golfo. Un esempio è ad es. sostenere varie parti nel conflitto in Yemen.

Vale anche la pena ricordare che, per motivi culturali e religiosi, la percentuale di donne occupate è molto bassa. Secondo i dati OCSE, solo 2 donne su 10 nella regione MENA sono impiegate. In un paese come la Giordania, solo il 14% delle donne lavora o cerca lavoro. Ciò rende le donne molto più dipendenti finanziariamente dai loro padri, fratelli o mariti. Ciò ostacola l'emancipazione delle donne ed è uno degli ostacoli alla crescita economica della regione.

00 MENO

Le economie più importanti dell'area MENA

Nonostante il gran numero di paesi che compongono la regione, la maggior parte di essi sono piccole economie con poca importanza per il commercio mondiale. Tuttavia, ci sono paesi della regione che danno un contributo significativo allo sviluppo del PIL mondiale.

Repubblica Islamica dell'Iran

È una delle maggiori economie dell'area MENA. Non c'è da stupirsi, visto che questo paese è abitato da quasi 88 milioni di abitanti. Il PIL è di circa $ 1 miliardi in termini di parità di potere d'acquisto. Per molti anni il Paese è stato sotto il peso delle sanzioni dei paesi "occidentali". Nonostante ciò, è riuscito a trovare il suo posto sulla scena internazionale soprattutto grazie all'aiuto di Cina e Russia. Il paese non è molto aperto al commercio. Ciò risulta, tra l'altro, da con forti embarghi. Nel 500, l'Iran ha esportato merci per un valore di soli 2020 miliardi di dollari. Per fare un confronto, la Polonia, che ha un'economia di dimensioni simili (calcolata in parità di potere d'acquisto), ha esportato beni per un valore di 10 miliardi di dollari nel 2020. Il principale destinatario delle esportazioni iraniane sono Chinyche rappresentava il 54% di tutte le esportazioni. Le esportazioni sono dominate dal petrolio greggio e dai prodotti del processo di raffinazione.

Arabia Saudita

È 18a economia del mondo in termini di dimensione se espresso in dollari, e 17 in termini di parità di potere d'acquisto. In PPP, l'Arabia Saudita ha un PIL di oltre $ 2 miliardi. Il paese, a differenza dell'Iran, non ha embargo. Questo lo rende molto più aperto al commercio rispetto al suo rivale sul lato opposto del Golfo Persico. Nel 000, il paese ha esportato beni per un valore di oltre 2020 miliardi di dollari. Il prodotto principale era il petrolio greggio ei suoi derivati. I maggiori destinatari di beni di esportazione sono stati: Chiny (20%), Indie (10%) io Giappone (10%). Gli Stati Uniti rappresentavano meno del 6% delle esportazioni dell'Arabia Saudita. Le entrate del bilancio statale dipendono principalmente dal prezzo del greggio e del gas naturale. È anche il secondo proprietario di riserve petrolifere (riserve provate). Tuttavia, allontanarsi dal petrolio significa che il paese sta cercando opportunità per rimodellare l'economia. Una delle idee è quella di aumentare l'enfasi sullo sviluppo delle moderne tecnologie e del turismo.

Egitto

È un paese la cui economia è al 33° posto in termini di PIL espresso in dollari e al 18° in termini di parità di potere d'acquisto. Nel 2022, il PIL espresso in PPP era di 1 miliardi di dollari. Un posto così alto è anche il risultato di una grande popolazione. Secondo la Banca Mondiale, il Paese è abitato da 661 milioni di persone. I principali prodotti di esportazione sono il petrolio ei suoi derivati ​​e l'oro. Il paese esporta anche molti prodotti agricoli, tessili e fertilizzanti. I maggiori destinatari di merci sono paesi come Emirati Arabi Uniti (10%), Stany Zjednoczone (7%), Arabia Saudita (6%), Turcja (6%) io Wlochy (6%).

Emirati Arabi Uniti

È un piccolo paese con una popolazione di circa 9,4 milioni. Tuttavia, è anche una delle maggiori economie dell'area MENA. Il motivo sono i giacimenti petroliferi molto ricchi e la buona posizione geografica. Di conseguenza, gli Emirati Arabi Uniti beneficiano dello sviluppo dinamico delle economie asiatiche. L'Asia ha rappresentato $ 2020 miliardi di $ 161 miliardi di esportazioni totali nel 216. I destinatari più importanti dei prodotti di esportazione erano Indie (10%), Chiny (9%) io Arabia Saudita (8%). I principali prodotti di esportazione sono il petrolio greggio e i suoi derivati ​​e oro, gioielli e diamanti.

Come investire in MENA?

La regione MENA si concentra principalmente sull'estrazione e l'esportazione di petrolio greggio e gas naturale. Ciò è particolarmente vero per i paesi del Golfo Persico. Di conseguenza, le più grandi aziende che operano nei paesi sono solitamente entità legate ai settori petrolchimico ed energetico. Vale anche la pena notare che le istituzioni finanziarie hanno anche una quota molto ampia nelle borse valori della regione. Naturalmente, i paesi della regione stanno cercando di riorientare le loro economie. Un esempio sono gli Emirati Arabi Uniti, che stanno cercando di svilupparsi nel settore tecnologico, o il Qatar, che punta sullo sviluppo dei servizi finanziari.

Vale la pena ricordare che nessuno degli scambi "nucleo duro" La regione MENA non è abbastanza sviluppata e liquida da consentire a un investitore europeo di investire su di essa senza ostacoli. Teoricamente, potrebbe essere uno di loro Borsa di Tel Aviv ma il problema è che questo paese non è sempre incluso nella MENA (principalmente per motivi di specificità culturale). Quindi il modo più semplice è usarne uno ETF esposizione a questo mercato. Uno dei maggiori problemi è che non esiste un ETF che dia esposizione all'intera regione. Per questo motivo, è necessario cercare dei sostituti. Uno di questi sono gli ETF che danno esposizione alle maggiori economie della regione. Tra i più importanti ci sono:

ETF iShares MSCI Arabia Saudita

È il più grande ETF che offre esposizione a uno dei paesi dell'EMEA. Il suo benchmark è l'indice MSCI Saudi Arabia IMI 25/50. Il fondo ha circa 900 milioni di dollari di asset in gestione. La commissione di gestione dell'ETF è molto alta per questo tipo di strumento. È dello 0,74% annuo. Dall'istituzione dell'ETF (2015), il tasso di rendimento annuo medio è stato leggermente superiore all'8%. I maggiori componenti dell'ETF includono:

  • Banca Al Rajhi,
  • La Banca nazionale saudita,
  • Industrie di base saudite,
  • petrolio dell'Arabia Saudita,
  • Telecom saudita.

ETF sull’indice VanEck Egitto

Il compito dell'ETF è mappare il tasso di rendimento MVIS® Egitto Indiax. Il fondo attualmente gestisce circa 17 milioni di dollari. Quindi è davvero un piccolo ETF. Va notato che questo è un fondo molto costoso in quanto la sua commissione di gestione annuale è dell'1,02%. Dalla sua istituzione nel 2010, l'ETF ha raggiunto un tasso di rendimento annuo medio del -8,6%. Dire che è un risultato scadente è un eufemismo. I maggiori componenti dell'ETF includono:

  • Banca commerciale internazionale Egitto,
  • Compagnia Orientale,
  • Abou Kir Fertilizzanti e prodotti chimici,
  • Centamina Plc,
  • E-Finance per il digitale e la finanza.

iShares MSCI Emirati Arabi Uniti ETF

È un ETF che offre esposizione alle società degli Emirati Arabi Uniti. Il patrimonio gestito dal fondo non è elevato e ammonta a 36 milioni di dollari. Quindi è davvero un ETF microscopico. La commissione di gestione è dello 0,58% annuo. Quindi non è un ETF economico. Dalla sua costituzione (2014), il fondo ha generato un tasso di rendimento medio annuo del -1,98%. I maggiori componenti dell'ETF includono:

  • Telecomunicazioni degli Emirati,
  • Prima banca di Abu Dhabi,
  • Banca islamica di Abu Dhabi,
  • Emirati Arabi Uniti,
  • Compagnia petrolifera nazionale di Abu Dhabi.

iShares MSCI Israele ETF

È un investimento nel mercato azionario israeliano. È un punto di riferimento per gli ETF Indice MSCI Israel Capped Investable Market. Non è un fondo molto popolare. Il patrimonio in gestione ammonta a poco più di 140 milioni di dollari. Come il resto degli ETF sopra elencati, anche questo non è il più economico. La commissione di gestione annuale è dello 0,58% annuo. Anche il tasso di rendimento raggiunto per gli azionisti non è impressionante. Dalla fondazione del fondo (2008), il tasso medio annuo dell'ETF è stato del 2,7%. I maggiori componenti dell'ETF includono:

  • Nizza srl,
  • Software Check Point,
  • Banca Leumi,
  • teva,
  • Banca di Hapoalim.

Broker ETF

Come investire nei paesi MENA? Come abbiamo accennato, questo non è un compito facile e l’unico modo relativamente semplice è attraverso gli ETF quotati. Tuttavia, un numero crescente di broker forex dispone di un’offerta piuttosto ricca di ETF e CFD per questi strumenti.

Ad esempio su XTB Oggi possiamo trovare oltre 3500 strumenti azionari e 400 ETF, a Saxo Bank oltre 19 aziende e 000 fondi ETF.

Broker xtb 2 logo saxo bank piccolo oltre 500 loghi
Paese Polonia Dania Cipro *
Numero di scambi in offerta 16 scambi 37 scambi 24 scambi
Numero di azioni nell'offerta 3500 circa - azioni
circa 2000 - CFD su azioni
19 - azioni
8 - CFD su azioni
circa 3 - CFD su azioni
L'importo dell'ETF offerto 400 circa - ETF
170 circa - CFD su ETF
3000 - ETF
675 - CFD su ETF
100 circa - CFD su ETF
commissione 0% di commissione fino a 100 euro di fatturato/mese secondo il listino prezzi Lo spread dipende dallo strumento
Deposito minimo 0 zł
(minimo consigliato PLN 2000 o USD 500, EUR)
0 PLN / 0 EUR / 0 USD 500 zł
Piattaforma xStation Saxo Trader Pro
Saxo Trader Vai
Piattaforma Plus500
 

* Offerta PLUS500 CY

I CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di una rapida perdita di cassa dovuta alla leva finanziaria. 77% dei conti degli investitori al dettaglio registra perdite monetarie a seguito della negoziazione di CFD con questo fornitore di CFD. Valuta se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti l'alto rischio di perdere i tuoi soldi.

Somma

Investire nella regione MENA non è facile. Il motivo è che il mercato dei capitali di molti paesi arabi si sta sviluppando e non è una destinazione di investimento molto popolare. Lo si può vedere negli ETF, in cui il più grande ha accumulato circa 900 milioni di dollari di asset in gestione. La regione è fortemente legata alle economie asiatiche. Il problema è che la maggior parte esporta materie prime, prodotti agricoli e prodotti di bassa trasformazione. A sua volta, importa principalmente merci con un valore aggiunto più elevato. Gli ETF della regione sono dominati da società del settore finanziario, delle materie prime e delle telecomunicazioni. L'eccezione è Israele, ma questo paese è spesso omesso dal MENA a causa delle sue differenze (sociali, economiche, storiche) con altri paesi della regione.

Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è una raccomandazione e non intende incoraggiare nessuno a intraprendere alcuna attività di investimento. Ricorda che ogni investimento è rischioso. Non investire denaro che non puoi permetterti di perdere.
Cosa ne pensi?
Io
22%
interessante
78%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
Forex Club
Forex Club è uno dei più grandi e antichi portali di investimento polacchi - forex e strumenti di trading. È un progetto originale lanciato nel 2008 e un marchio riconoscibile focalizzato sul mercato valutario.